Meglio una pena ‘riflessiva’, che abbia un  senso e una dignità, che una pena ‘rabbiosa’.

E anche modificare lo spazio della pena in modo partecipato aiuta. Tre testimonianze sul lavoro di AbitareRistretti.